Boom di erbe aromatiche e officinali al mercato a kmzero di Borgo Roma

Aumentano negli ultimi anni le coltivazioni di piante aromatiche e officinali nella provincia veronese, ovvero di tutte quelle piante che vanno dalla lavanda alle erbe aromatiche fino allo zafferano. L’interesse per questo tipo di piante è a scopo ornamentale, per il consumo a tavola o l’utilizzo nel settore della cosmesi, con molte aziende agricole che hanno avviato esperienze di successo.

Alle piante aromatiche e officinali è dedicata la festa di Primavera organizzata da Coldiretti Verona che si terrà sabato 17 marzo al mercato a km zero di Campagna Amica a Borgo Roma dalle 9.30 alle 12.30.

Interverrà l’esperto e tutor delle erbe aromatiche Zeno Buzzacchi, per illustrare le piante presenti sul territorio scaligero e le loro proprietà. Nella sua azienda agricola a Castelnuovo del Garda, Buzzacchi coltiva un lavandeto di circa 2000 piante, un’area di coltivazione di aromatiche con Rosmarino, Timo, Elicriso, Menta, Salvia, Melissa, Finocchio selvatico, Calendula, per uso cosmetico ed erboristico. E’ presente inoltre un’area sperimentale per aromatiche ed essenze stagionali e poliennali. Nel momento di massima concentrazione dei principi attivi, le piante vengono distillate in corrente di vapore, o essiccate, o macerate, per estrarne l’essenza e le peculiarità benefiche. Oppure, per specifiche essenze, commercializzate direttamente fresche ed essiccate per gli usi di cucina. A seguire, sarà possibile assistere a una dimostrazione culinaria della agrichef Elena Turazzini dell’agriturismo “Le Bianchette” di Sommacampagna che darà ai presenti consigli su come cucinare le erbe, amiche della salute.

«Le piante aromatiche non solo insaporiscono i cibi, ma hanno anche importanti proprietà per la salute. – evidenzia Franca Castellani, presidente del Consorzio Veronatura che gestisce i mercati di Campagna Amica Verona – Oggi in molti coltivano le piante aromatiche direttamente nella propria casa sul balcone o in giardino, secondo una tendenza che si sta consolidando nel tempo. Infatti, è ormai abbastanza consueto vedere intere aiuole di aromatiche, un vero e proprio “giardino di profumi”, con una doppia valenza: estetica (basti pensare alle fioriture delle lavande o dei rosmarini) e culinaria. Proseguirà la raccolta firme per la petizione #stopcibofalso per cui a Verona sono state già raccolte 2000 firme», conclude Castellani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.