San Giovanni Lupatoto in aiuto alla popolazione ucraina

Torre dell’acquedotto a San Giovanni Lupatoto illuminata con i colori della bandiera ucraina

San Giovanni Lupatoto si muove in aiuto alla popolazione ucraina colpita dalla guerra. Sono stati avviati – con il supporto del gruppo comunale di Protezione Civile, l’associazione “Cittadino Sicuro” e gli Alpini di Raldon – alcuni punti di raccolta per beni durevoli (ad esempio coperte, sacchi a pelo, indumenti invernali), prodotti per l’igiene personale (sapone, bagnoschiuma, dentifricio) e per l’infanzia (biberon, pannolini, salviette), alimentari di lunga conservazione (prodotti in scatola o in confezione) e medicinali.

Protezione Civile: sabato 5 marzo alla galleria del centro commerciale Galassia dalle 8 alle 21. Domenica 6 marzo sotto la torre in Piazza Umberto dalle 9 alle 12;

Associazione “Cittadino Sicuro” ed Alpini di Raldon: sabato 5 marzo dalle 8.30 alle 12 e dal lunedì al venerdì dalle 16:30 alle 18:30 alla baita di via Ederle 17 (Raldon).

E’ stata diffusa inoltre un indirizzo e-mail affinché i cittadini possano segnalare la propria disponibilità a ospitare profughi ucraini: .

Sono poi in corso contatti per alcuni progetti di collaborazione internazionale in tema culturale (in particolare nel teatro grazie al regista Matteo Spiazzi), che vedranno come protagonisti dei giovani ucraini con la collaborazione tra i comuni di San Giovanni e Verona e il Teatro Astra.

Ogni sera la torre dell’acquedotto in piazza Umberto è illuminata con i colori della bandiera ucraina per far sentire la propria vicinanza alla popolazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.