Appello Fidas: «Donatori di sangue, VACCINATEVI!»

In attesa di quello anti-Covid, c’è un vaccino che si può fare subito. È quello contro l’influenza stagionale, che i donatori di sangue possono ricevere gratuitamente, rivolgendosi al proprio medico di famiglia. In occasione dell’assemblea provinciale, Fidas Verona raccomanda ai suoi volontari di vaccinarsi, per tutelare la propria salute e quella altrui. E per dare continuità al sistema di raccolta sangue nei prossimi mesi.

Il donatore Vincenzo Ronca con la presidente provinciale di Fidas Verona Chiara Donadelli

«Mentre siamo alle prese con la seconda ondata del Sars-Cov-2, vogliamo sensibilizzare tutti i nostri donatori sulla vaccinazione antinfluenzale – spiega la presidente provinciale di Fidas Verona, Chiara Donadelli –. Non possiamo permetterci una riduzione di sacche nei prossimi mesi: gli ospedali veronesi hanno un fabbisogno giornaliero molto elevato di sangue e plasma e l’insostituibile gesto dei volontari è indispensabile per mantenere in equilibrio il sistema sanitario e garantire le terapie necessarie a chi è ammalato».

Durante la fase più critica della pandemia, in primavera, la generosità dei donatori non era mancata, anzi: a marzo e aprile il centralino dell’ufficio prenotazioni era stato preso d’assalto. A maggio, con la ripartenza delle chirurgie, il sistema era tornato a regime, fino all’estate scorsa. «Purtroppo luglio e agosto hanno registrato una flessione della raccolta: questi erano pure i mesi clou delle manifestazioni che ci permettevano di reclutare nuovi aspiranti, tutte rinviate all’anno prossimo. Ora siamo costretti a promuovere il dono con altre modalità: dal passaparola al potenziamento delle campagne social, ma noi donatori siamo abituati a rimboccarci le maniche e a trovare nuove strade per aiutare gli altri».

Si tratterà anche di questo all’assemblea provinciale in programma sabato 17 ottobre al teatro David di Ca’ di David: qui si ritroveranno i presidenti delle 79 sezioni di Fidas Verona, chiamati ad approvare il bilancio associativo. L’incontro avverrà nel rispetto delle normative anti-contagio, quindi con mascherine, distanziamento fisico e igienizzazione delle mani.

Si ricorda che per prenotare la donazione basta telefonare al numero verde gratuito 800.310.611 (da fisso), allo 0442.622867 (per chiamate da cellulare), al 339.3607451 (cellulare per telefonate/sms) oppure inviare una mail a . I requisiti per donare sono sempre gli stessi: godere di buona salute, pesare almeno 50 chilogrammi e avere fra i 18 e i 65 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.