Centrodent

Problemi con la dentiera ballerina?

Chi porta una dentiera poco stabile conosce molto bene i molteplici problemi che questa può creare:
Fonetico, poiché è complicato parlare quando si ha una protesi in movimento e il tentativo di controllarne la posizione porta frequentemente a coprirsi la bocca con una mano;
Estetico, in quanto una semplice risata può portare a uno spostamento consistente della protesi;
Masticatorio, perché la mandibola deve compiere movimenti condizionati, specialmente in caso di cibi molto consistenti;
Infiammatorio, dato dallo sfregamento della protesi sulle mucose che peggiora la situazione nel tempo.
Per ovviare a questo problema, in commercio esistono svariati tipi di adesivi per dentiere. Va tenuto conto però che l’impiego di questi adesivi si presenta scomodo, la durata è spesso limitata a qualche ora e quindi può richiedere più applicazioni durante la giornata, creando situazioni di imbarazzo e insicurezza.
Il problema può essere risolto in maniera definitiva con l’inserimento di mini impianti.
Tali impianti sono viti realizzate in titanio biocompatibile, avvitate nell’osso. Con esso formano un legame chiamato osteointegrazione, entrano cioè a far parte della struttura ossea stessa. Ne esistono varie versioni tra cui quello definito mini impianto, che prende il nome dalle ridotte dimensioni che lo rendono impiegabile anche in caso di spazi ossei limitati. I mini impianti possono risolvere tutti questi problemi facendo in modo che la dentiera risulti ben salda in bocca, pur garantendo al paziente la possibilità di rimuoverla facilmente per tutte le operazioni di igiene quotidiana.

Vantaggi
I vantaggi nell’utilizzo dei mini impianti elettrosaldati per stabilizzare la protesi sono numerosi:
Rapidità dell’intervento, eseguito in una sola seduta con anestesia locale;
Minima invasività, cioè senza necessità di incidere le gengive e senza punti di sutura-tecnica in flapless;
Periodo di guarigione fortemente contenuto;
Possibilità di carico immediato;
Recupero della vecchia protesi. In molti casi, infatti, il paziente non deve affrontare il costo di una nuova protesi mobile, poiché quella vecchia può essere opportunamente modificata;
Costi contenuti.

Come si inseriscono i mini impianti?

Per stabilizzare una normale protesi mobile completa, l’implantologo esegue esami radiologici come una panoramica o una TAC tridimensionale.

Questi permettono di valutare la quantità di osso che
offre maggiore
possibilità di successo nella quale andranno inseriti i mini impianti. Nella maggior parte dei casi, con questa tecnica è possibile accorciare i tempi di guarigione dei tessuti gengivali, perché non è necessario incidere le gengive per inserire i mini impianti dentali, ma si può procedere in anestesia locale con la tecnica in flapless. Tramite questo procedimento, gengiva e osso vengono forati contemporaneamente senza alcun dolore e sanguinamento e addirittura senza punti di sutura.

Terminata la fase chirurgica degli inserimenti degli impianti, si esegue una radiografia panoramica di controllo e se tutto risulta essere eseguito in modo corretto, si passa all’unione dei mini impianti tra loro con delle barre in titanio mediante elettrosaldatura, grazie all’utilizzo, direttamente nel cavo orale, di una mini saldatrice chiamata sincristallizzatrice. A questo punto, i mini impianti uniti tra loro risultano un corpo unico e possono essere agganciati subito alla dentiera (carico immediato).

Modifica della vecchia dentiera
La vecchia dentiera sarà modificata nel corso della stessa seduta, applicando i connettori da agganciare alla testa sferica dei mini impianti. La stabilizzazione avviene mediante sistemi di aggancio a ritenzione elastica: la testa del mini impianto presenta una sfera che si inserisce nel bottone nel quale è presente un attacco elastico in teflon che viene fissato nella protesi. Un esempio esemplificativo è il bottone “automatico” usato per i cappotti. Applicare e togliere la protesi sarà semplice come prima, ma una volta posizionata rimarrà stabile.
Concludendo, l’impiego dei mini impianti nei portatori di protesi mobili può migliorare concretamente la qualità della vita con un intervento veloce, poco invasivo e spesso anche economico.

L’equipe dello studio
odontoiatrico Centrodent
di Castel d’Azzano si rende disponibile per maggiori informazioni e consulenze sugli argomenti trattati. Potete inviare una e-mail all’indirizzo
centrodentsrl@gmail.com oppure telefonare
al numero 045 512131.