Diplomati 18 nuovi agrichef, ambasciatori dei prodotti e della tradizione veronesi

Prova superata per i 18 agrichef di Campagna Amica di Coldiretti che si sono “sfidati” oggi per l’esame finale all’Istituto professionale alberghiero A. Berti, al Chievo. Divisi in cinque gruppi a cui sono stati affidati cinque ingredienti del territorio veneto – ad esempio Monte Veronese Dop, broccoli, rape rosse, coniglio, manzo, patate viola e zucca – gli agrichef hanno preparato un piatto particolare che è stato poi giudicato da una commissione composta da docenti, giornalisti ed esperti.

Erano presenti, tra gli altri: Diego Scaramuzza, presidente nazionale e regionale di Terranostra e fondatore dell’Agrichef Academy di Coldiretti,  Fabrizio Pescosta e Leonello Valbusa, docenti dell’Istituto alberghiero A. Berti, Francesca Toffali, assessore al commercio del Comune di Verona, i giornalisti veronesi Elena Cardinali e Stefano Cantiero, Marco Scandogliero miglior sommelier Ais Veneto del 2016, gli agrichef Cinzia Beozzi e Gianmarco Girelli e Debora Viviani, ricercatrice dell’Università di scienze della comunicazione di Verona. I criteri per superare l’ultima selezione sono stati il rispetto della tradizione, il tempo di esecuzione, la capacità di esposizione senza dimenticare la fantasia personale per un pizzico di innovazione culinaria. I giurati hanno valutato ogni piatto in base alla presentazione, all’impiattamento e all’equilibrio complessivo degli ingredienti. «Dopo oltre 100 ore di formazione – evidenzia Diego Scaramuzza – gli allievi hanno dimostrato di meritare la divisa di agrichef, grazie a un percorso di crescita professionale. L’Agrichef Academy, nata in Veneto, sta ormai spopolando in tutta Italia con esperienze di scuole e accademie e un’imminente inaugurazione di un master all’Università di Pollenzo a Bra (Cn)». «Gli allievi sono tutti agricoltori – aggiunge Scaramuzza – che hanno seguito lezioni in aula e il percorso teorico pratico degli iscritti – perché questa condizione è essenziale per concorrere al titolo. Infatti elemento principale per le iscrizione è il certificato di imprenditore agricolo che distingue il valore aggiunto della coltivazione o allevamento dei propri prodotti serviti poi in tavola». «L’agrichef – precisa Claudio Valente, presidente di Coldiretti Verona – oltre che ad essere un agricoltore e abile cuoco, è anche un conoscitore e perfetto ambasciatore dei prodotti del proprio territorio che cucina e presenta in modo eccellente per soddisfare le diverse esigenze della clientela». A Verona, le lezioni del corso dell’accademia si sono svolte in un Istituto alberghiero, stimolando così l’unione tra mondo della lavoro e l’ambiente scolastico.

Evidenzia, infatti, Anna Graciotti, vice preside dell’Istituto: «Siamo molto contenti di aver ospitato questo corso perché per noi potrebbe essere l’inizio di una collaborazione che segue un trend molto importante come il contato con il territorio e il mangiare bene. L’agrichef è l’inizio di qualcosa di nuovo ed è importante perché la clientela sente fortemente questi temi e se li aspetta anche in cucina».

I prossimi corsi base ed avanzato per agrichef si svolgeranno nella seconda parte dell’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.