Associazione Amici nel mondo: i viaggi della speranza in Ucraina

L’Associazione Amici nel mondo di Isola della Scala si è distinta dallo scoppio della centrale di Chernobyl per aiutare i bambini ucraini. Adesso, dopo lo scoppio della guerra, i volontari si sono attivati con coraggio, intraprendendo viaggi attraverso corridoi umanitari per portare il necessario a chi è rimasto bloccato dagli attacchi russi ma anche per fornire un aiuto a chi vuole fuggire. «I nostri volontari – ha spiegato Giannina Mantovani, fondatrice dell’associazione assieme al marito Ivano Lorenzetti – hanno già fatto due viaggi con corriere cariche di beni di prima necessità che affidano sul confine a dei nostri contatti sul posto. Nel ritorno sono riusciti a portare con sé bimbi e famiglie che intendevano fuggire dalla guerra. Nell’ultimo viaggio hanno portato in salvo 32 bambini, la maggior parte orfani, e 4 mamme. Hanno dovuto compilare una lista di nomi da presentare alle autorità polacche. Ora questi bambini sono dati in affido a famiglie del veronese e del padovano. Ringrazio tutti per il prezioso contributo in un momento così drammatico per le famiglie ucraine».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.