“Se bevi, prendi il bus” ai ragazzi del Job&Orienta

“Se bevi, prendi il bus”. E’ un messaggio semplice e diretto ma di grande significato quello che ATV e Starbars hanno voluto promuovere anche quest’anno dallo spazio allestito all’interno del salone “Giovani in Strada” in occasione dell’edizione appena chiusa di Job&Orienta.  Le attività rivolte ai visitatori organizzate nello stand ATV/Starbars erano ospitata a bordo un nuovissimo autobus a gas naturale di nuova generazione, entrato da poco a far parte della flotta aziendale nell’ambito del piano di rinnovo che ha permesso ad ATV di mettere sulle strade di Verona e provincia quasi 200 autobus ecologici, grazie ad un investimento di circa 25 milioni. Obiettivo della presenza in fiera, come accennato, era quello di promuovere tra i giovani la cultura di una mobilità non solo “sostenibile”, ma anche “responsabile”. Insieme al team di Starbars infatti i giovani sono stati coinvolti in un lavoro di informazione e sensibilizzazione  mirato a far riflettere sull’importanza di non mettersi alla guida se non in perfette condizioni psicofisiche, preferendo in questo caso servirsi dei mezzi pubblici. A questo proposito, notevole la quantità di materiale informativo distribuito per informare i ragazzi sulle opportunità di muoversi liberamente offerte anche nelle ore serali e notturne dalla rete dei bus cittadini che tutte le sere sono in servizio fin oltre la mezzanotte, prolungando ulteriormente le corse fino alle due il venerdì e sabato sulla linee 90, 91, 93 e 98. Semplicissimo anche informarsi sugli orari dei bus, grazie all’app InfoBusVerona, disponibile per tutti gli smartphone, che permette di essere sempre aggiornati su tempi di attesa, orari, percorsi, fermate e news sul servizio ATV.

Momento sicuramente più animato ed effervescente allo stand ATV/Starbars durante la tre giorni di Job&Orienta è stata la mattinata di venerdì 29 novembre, quando l’originale location del bus ha ospitato la decima edizione del concorso Starbars Junior, rivolto alle scuole alberghiere di Verona e Provincia. La gara ha visto sfidarsi 9 ragazzi  dell’Istituto Berti di Verona, del Carnacina di Bardolino e del Medici di Legnago nella realizzazione di un cocktail analcolico originale e allettante, per sorprendere i palati della giuria selezionatrice. E’ stata infatti quest’ ultima a decretare un vincitore per ogni istituto, rendendo il concorso un momento ricreativo per i ragazzi, ma non competitivo. Francesco Filippi dell’Istituto Berti di Verona con il cocktail Ignoto, Arturo Grebennik, studente al Carnacina di Bardolino, con il drink Emerald e Ouafa Ziani rappresentante il Medici di Legnago, con Sunrise Passion hanno realizzato dei gustosi ed originali cocktail analcolici, aggiudicandosi la vittoria per questa edizione 2019.
Anche quest’anno Starbars si è avvalsa di una giuria di tutto rispetto; sono infatti stati presenti: il Vicepresidente di AMT, Gianluca Soldo, il Responsabile della Comunicazione di ATV, Gianluca Marastoni, Roberta Isoli, in rappresentanza del MIUR Veneto, la Responsabile Marketing di Enoitalia SpA, Luana Cappuzzo, Davide Castagnaro, chef e tecnico della panificazione presso Antico Molino Rosso ed infine, Ronny Veneziani, addetto alle Pubbliche Relazioni di Veronafiere. Gradita presenza è stata quella di tre importanti autorità: on. Elena Donazzan, Assessore Regionale alla Scuola e alla Formazione, on. Cristina Grieco, Assessore al Lavoro, Formazione ed Istruzione per la regione Toscana e on. Valentina Aprea, della Commissione Cultura, Scienza ed Istruzione. Sono infatti intervenute durante il concorso, per dare il loro massimo sostegno ai ragazzi, sottolineando la rilevanza di iniziative come Starbars, per poter diffondere dei messaggi di estrema importanza per il mondo dei giovani.
Nato dieci anni fa con l’obiettivo di sensibilizzare il bere responsabile, attraverso un concorso volto a premiare il miglior cocktail analcolico, realizzato dai barman dei locali più rinomati del territorio, Starbars è oggi una fucina di straordinarie iniziative, che volgono lo sguardo verso il medesimo scopo: sensibilizzare i giovani al bere responsabile, diffondendo la cultura del divertimento consapevole, ovvero al consumo di bevande alcoliche al momento giusto e nelle corrette quantità. Sensibilizzazione, relazione costante e diretta con i giovani, rinnovamento: sono queste le parole chiave per definire l’identità di Starbars, consapevole del fatto che un domani saranno proprio i ragazzi che ad oggi partecipano al concorso a trasmette il messaggio del bere responsabile, grazie alla professione che andranno a ricoprire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.