A scuola di dono: gli studenti di Zevio conquistano il concorso di Fidas Verona

Un momento della cerimonia di premiazione al palazzo della Gran Guardia a Verona

Disegni, racconti, slogan in varie lingue e persino rebus e cruciverba. Sono le tante e colorate le forme con cui gli studenti veronesi hanno declinato il tema del concorso di Fidas nazionale “A scuola di dono”. Il 1 aprile, nel palazzo della Gran Guardia, sono stati premiati i vincitori, selezionati tra i dieci istituti che hanno partecipato all’iniziativa.

Per le scuole primarie ha vinto la classe 5B dell’istituto comprensivo “Don Lorenzo Milani” di San Pietro di Lavagno; per le secondarie di primo grado, invece, si è aggiudicata la testa della classifica la 1F dell’istituto comprensivo “Altichiero” di Zevio. Entrambe passeranno alla fase nazionale della selezione; i vincitori saranno annunciati il 26 e 27 aprile al 58° Congresso nazionale Fidas di Matera, dove la Federazione italiana associazioni donatori di sangue festeggerà i 60 anni di attività. 

Zevio si è aggiudicato anche il secondo posto della sezione dedicata alle scuole medie, con la 2E dell’Istituto comprensivo; terza, invece, si è posizionata la 2B della secondaria di primo grado dell’Istituto comprensivo di Oppeano. Per le primarie sono arrivate seconde la “Don Calabria” di Alpo di Villafranca e terza la 5A (gruppo 1) dell’istituto “Giovanni Pascoli” di Roverchiara.D

Gli elaborati sono stati vagliati da una giuria presieduta da Maurizia Grisi, una delle volontarie di Fidas Verona che ogni giorno entrano nelle classi per parlare ai ragazzi, col “Progetto scuole”. «È stato molto difficile decretare i vincitori, perché i lavori erano molto belli e ricchi di significato: attraverso di essi i ragazzi hanno espresso la consapevolezza che il sangue è ciò che permette a tutti di vivere», ha aggiunto la presidente di Fidas Verona Chiara Donadelli, affiancata da Alessia Balzanello. 

Alla cerimonia scaligera, organizzata da Fidas Verona insieme al Comune di Verona, è intervenuto l’assessore all’Istruzione Stefano Bertacco. «Questi lavori ci permettono di conoscere il punto di vista diretto delle nuove generazioni su che cosa sia per loro il dono, un valore fondamentale da promuovere nella nostra città; per questo impegno ringraziamo Fidas Verona», ha dichiarato l’assessore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.