Una nuova sede per Acque Veronesi

Sono passati oltre sedici anni dal 27 gennaio 2006, data della costituzione di Acque Veronesi. Da allora, l’azienda non ha mai avuto una sede autonoma. Gli uffici di lungadige Galtarossa, in affitto da Agsm, erano ormai inadeguati alle necessità di una società che dai 40 comuni iniziali gestisce oggi il servizio idrico integrato in 77 comuni del veronese. Le necessità principali erano quelle della centrale operativa e del laboratorio, due reparti che si trovano vicino al depuratore, in Via Avesani, in spazi che non permettevano più di stare al passo con le evoluzioni normative, inadeguati alle nuove tecnologie, alle nuove attrezzature e alle sempre crescenti necessità di analisi e monitoraggio della qualità dell’acqua (5900 campioni effettuati e 233.000 parametri monitorati nel solo 2021). 

Tutto questo fino a ieri, quando nello studio del notaio Lanza, il presidente Roberto Mantovanelli ha firmato il rogito per l’acquisto dell’immobile che diventerà già dal prossimo anno la nuova sede di Acque Veronesi. 

Roberto Mantovanelli, Presidente di Acque Veronesi con Enrica Sartori, RE Transactions & Valorization Group Real Estate UniCredit SpA

«Una grandissima soddisfazione per aver realizzato uno dei principali obiettivi che mi ero posto – ha detto Mantovanelli, ringraziando l’attuale e il precedente consiglio di amministrazione che hanno condiviso il percorso che ha portato all’acquisto della nuova sede –. Un’operazione che rinforza l’aspetto patrimoniale, rendendo ancora più solida l’azienda e che ci permette di lavorare in spazi finalmente adeguati».

«Al mio insediamento, quattro anni fa – prosegue Mantovanelli – avevo visto subito che alcuni ambienti di lavoro non erano adatti alle necessità operative dell’azienda, soprattutto la parte dei laboratori, ora inseriti nella rete ViveracquaLab che è un piccolo gioiello di innovazione e sicurezza creato dal consorzio che riunisce i gestori idrici pubblici del Veneto. Da lì è iniziato un percorso, complicato anche dalla pandemia, che ci ha portato a trovare nei tempi più rapidi possibili l’immobile più adatto alle nostre esigenze. Un iter condiviso con dirigenti e rappresentanti dei lavoratori che ci porta a questo importantissimo risultato».

La ricerca di mercato è iniziata nel 2019. Le offerte ricevute e le risultanze emerse dalle ricerche svolte da Comune e Provincia sono state raccolte e scremate nel tempo con il supporto di due diligence tecnico amministrative, grazie alle quali si è arrivati negli scorsi mesi alla scelta dell’ex sede Unicredit di via Gentilin 71, a San Michele Extra. Un immobile di fabbricazione recente, edificato nei primi anni 2000, in ottimo stato, che ha bisogno solo di alcuni interventi di adeguamento degli spazi interni per renderlo idoneo a tutte le necessità aziendali. 

Circa 5600 i metri quadrati a disposizione nei tre piani della struttura che ospiteranno le 200 persone dei reparti non dislocati nelle sedi territoriali della provincia. Oltre 150 i posti auto per i dipendenti e per i mezzi aziendali. Una sede facilmente raggiungibile in auto o con i mezzi pubblici, vicina e ben collegata al sistema delle tangenziali e alla rete autostradale. 

Un’operazione necessaria e sostenibile, perché anziché individuare una nuova area è stato cercato un immobile già esistente che potesse rispondere alle articolate esigenze dell’Azienda.

Nulla cambia per gli utenti, gli sportelli resteranno infatti in lungadige Galtarossa, poiché sono gestiti in collaborazione con Agsm-AIM. Entro l’estate prossima l’atteso cambio di sede.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.