Il Console Ucraino in visita a Isola della Scala

È venuto a portare una parola di conforto ai profughi e a sincerarsi delle modalità di accoglienza nell’Hub di Isola della Scala il Console Onorario d’Ucraina Marco Toson, giunto nel pomeriggio di giovedì 12 maggio, dove lo attendevano un gruppo di Ucraini e l’Amministrazione comunale.

«La guerra non è finita – ha pronunciato – il messaggio che mandiamo è quello di continuare a donare, specialmente generi alimentari e medicinali, a questo proposito abbiamo creato il sito nazionale hopeukraine.it dove è indicato come donare e i siti logistici. La macchina burocratica italiana è un po’ lenta, ma stiamo mettendo in piedi un sistema che possa dare accoglienza ai cittadini ucraini e anche un aiuto alle famiglie che li accolgono». Attualmente nell’hub isolano sono ospitati una cinquantina di ucraini, ma solo qualche settimana fa erano un centinaio. Verona è infatti il più grande centro di prima accoglienza italiano. «Quando arrivano in stazione – hanno illustrato i responsabili della Protezione civile – i volontari vanno a prenderli, soggiornano una settimana qui all’Hub poi la Prefettura riunisce i vari gruppi familiari». Toson ha anche ribadito gli enormi danni per le aziende di interscambio, soprattutto per l’energia e per i prodotti agricoli, come grano e farine. Gli ospiti, che provengono in gran parte da Mariupol, hanno saltato dicendo che la speranza di tornare è nei loro cuori, ma per ora la vedono una prospettiva lontana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.