Torna a settembre la Fiera del Riso e apre agli espositori esteri

«Dopo due anni di stop, il quartiere fieristico isolano è pronto per ospitare la manifestazione che nel 2019 ha registrato più di 500.000 presenze» ha commentato il neo amministratore di Ente Fiera Isola della Scala, Roberto Venturi.

Sono state presentate, mercoledì 6 aprile nella Sala Rossa del Palazzo Scaligero a Verona, le attività di internazionalizzazione della 54ª Fiera del Riso, in programma a Isola della Scala dal 14 settembre al 2 ottobre.
Sono intervenuti il presidente della Provincia di Verona, Manuel Scalzotto, l’assessore all’Agricoltura della Regione del Veneto, Federico Caner, l’assessore al Turismo del Comune di Verona, Francesca Toffali, il sindaco di Isola della Scala, Luigi Mirandola, l’amministratore unico di Ente Fiera di Isola della Scala, Roberto Venturi e Renato Leoni, Presidente del Consorzio di tutela della IGP riso Nano Vialone Veronese.
La manifestazione, che torna dopo due anni di stop dovuti alla pandemia, ospiterà dal 24 settembre al 2 ottobre anche Taste of Earth, un progetto per l’internazionalizzazione della Fiera che prevede una nuova area con espositori esteri che racconteranno e presenteranno i prodotti e le peculiarità dei propri territori. Evento, quest’ultimo, che ha permesso alla kermesse enogastronomica isolana di essere inserita nel calendario di AEFI, Associazione Esposizioni e Fiere Italiane.

La presentazione della Fiera del Riso 2022 in Provincia

Anche quest’anno protagonista della Fiera, in virtù della collaborazione con il Consorzio di tutela, sarà il riso Nano Vialone Veronese Igp, primo in Europa ad aver ottenuto nel 1996 l’Indicazione Geografica Protetta.
Infine Ente Fiera, società del Comune di Isola della Scala che si occupa dell’organizzazione dell’evento, grazie alla partnership stretta nel 2021 con il Tocatì, curerà nell’edizione di quest’anno del Festival Internazionale dei Giochi in Strada “La cucina del festival” allestita in lungadige San Giorgio.

Grande novità sarà poi l’INTERNAZIONALIZZAZIONE della FIERA con TASTE OF EARTH, un percorso iniziato due anni fa con la Regione Veneto che si è da poco concretizzato: «È una fiera che ha un’importanza internazionale ed è stata riconosciuta anche a livello regionale perché rappresenta una delle eccellenze del territorio – ha spiegato l’assessore all’agricoltura e al turismo della Regione del Veneto, Federico Caner. – Su 3500 ettari coltivati a riso, ben 1200 provengono dalla Pianura Veronese che esprime un prodotto Igp che è riconosciuto a livello italiano e internazionale. Inoltre – continua Caner – per affrontare l’aumento dei costi dell’energia e dei concimi ci sarà un aiuto per il comparto del riso da 150 a 300 € ad ettaro, una remunerazione che intende aiutare una produzione dell’eccellenza del Veneto. Un mondo che alimenta i nostri prodotti tipici del territorio che sono il plus della nostra offerta turistica. Puntiamo sui nostri prodotti, sulle nostre eccellenze per conquistare i nostri turisti e dimostrare il primato e la qualità delle nostre produzioni venete».
«Dal 24 settembre al 2 ottobre, all’interno della Fiera del Riso, verrà realizzato un progetto, che prenderà il nome di TASTE OF EARTH, che apre le porte all’internazionalizzazione della Fiera – prosegue Venturi – Nascerà una nuova area con espositori esteri che racconteranno e presenteranno i prodotti e le peculiarità dei loro territori. Tale evento ci ha permesso di entrare nel calendario dell’Associazione AEFI, Associazione Espositori e Fiere Italiane».
In un momento storico così delicato, la volontà di Ente Fiera Isola della Scala, insieme al Comune e al Consorzio è quella di valorizzare il riso Nano Vialone Veronese IGP, volàno di crescita.
C’è la voglia di ripartire e di tenere alti i riflettori sull’Ente.
Il Sindaco Luigi Mirandola ricorda: “Ad Isola della Scala abbiamo una delle manifestazioni più importanti che si svolgono in Italia dedicata al Riso Nano Vialone Veronese IGP. Quest’anno sarà ancora più importante per il rilancio dell’economia dei nostri territori. Continuiamo a lavorare per promuovere le nostre peculiarità, l’oro bianco prodotto secondo la tradizione e volano di cultura, storia e business”.
«Protagonista del nuovo evento sarà il riso Nano Vialone Veronese Igp, il primo riso a ottenere in Europa il marchio Igp nel lontano 1996”, afferma Renato Leoni, presidente del Consorzio di tutela riso Nano Vialone Veronese Igp, “Il Consorzio si occupa della sua tutela e promozione. Con Ente Fiera abbiamo nel tempo consolidato una importante collaborazione che ci consente di veicolare con maggiore incisività il valore aggiunto del nostro riso valorizzando il territorio in cui si produce».

Nel 2020 e 2021 la Fiera non si è potuta realizzare a causa della pandemia, ma l’Ente ha lavorato in vista della ripresa. «Lo scorso anno è nata una partnership importante con il TOCATI’ il Festival Internazionale dei Giochi in Strada, che si tiene a Verona, nelle maggiori piazze della città – ha aggiunto Venturi. – Anche nel 2022 parteciperemo all’evento: nella location unica di lungadige San Giorgio cureremo LA CUCINA DEL FESTIVAL, portando la tradizione del Riso Nano Vialone Veronese IGP in un contesto internazionale».

«Il Comune di Verona è stato il primo a credere, in un momento difficile per il turismo, in una strategia territoriale diffusa che va ben oltre i propri confini – ha concluso l’assessore del Comune di Verona, Francesca Toffali. – La sfida per Isola della Scala, che è stata capace di raggiungere numeri eccezionali con una media di 15.000 visitatori al giorno durante la Fiera, credo sia quella di implementare l’ospitalità turistica».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.