L’evoluzione della donna attraverso la pubblicità e la comunicazione digitale

Da Carosello che ha debuttato 60 anni fa ai social network, la comunicazione sulle donne è cambiata di pari passo con il ruolo femminile nella società anche se alcuni stereotipi sono difficili da eliminare. Questo sarà il focus dell’incontro “Donne e comunicazione da carosello al digitale”, organizzato da EWMD Verona, martedì 20 marzo dalle ore 18.30 a Palazzo Camozzini in Via San Salvatore Vecchio 6, Verona. All’appuntamento, che rientra nella manifestazione “Ottomarzo. Femminile, plurale 2018” dell’Assessorato Pari Opportunità del

copertina del libro “Carosello, genio e pubblicità all’italiana” di Marco Melegari

Comune di Verona, interverrà Marco Melegari, giornalista veronese di Sky Tg24 Spettacolo e autore del libro “Carosello, genio e pubblicità all’italiana” che dialogherà con Gaia Passamonti esperta di comunicazione digitale e Corporate Storytelling Strategist di Pensiero Visibile di Verona. Non mancherà la proiezione di immagini.

Daniela_Ballarini

«Nel mese che l’Assessorato alle pari opportunità del Comune di Verona dedica alla donna – evidenzia Daniela Ballarini, presidente di EWMD Verona – abbiamo ritenuto importante parlare dell’evoluzione nel modo di vedere e comunicare la figura femminile. Ripercorrendo la storia della pubblicità da Carosello a oggi passando alle forme di comunicazione più moderne, percepiamo il cambiamento del ruolo sociale della donna, da madre di famiglia e protagonista delle proprie scelte. Comunicare correttamente la donna può aiutare ognuna di noi nella quotidianità, nel lavoro e nella vita familiare».

Carosello è stato lo specchio della società italiana del tempo, ma già alcuni spot rappresentavano la donna in modo emancipato dal solito ruolo di signora della casa e mamma. I casi più noti, che saranno tra gli altri illustrati durante l’appuntamento del 20 marzo, sono stati quello di una donna libera che per la “Gomma del ponte” va a spasso per New York (Carla Gravina), c’era poi Franca Valeri centralinista (quindi donna che lavora) per l’olio Topazio. Carosello rimane un prodotto pionieristico e insuperato della creatività italiana, precursore di molte tendenze della comunicazione contemporanea, anche in ambito digitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.