Aeroporto Catullo agli stranieri? D’Arienzo interroga il Ministro Delrio

Vincenzo D’Arienzo

Il gestore aeroportuale SAVE, che controlla con il 40% i nostri due aeroporti di Verona e Brescia, sarà oggetto di un’offerta pubblica di acquisto da parte di due fondi infrastrutturali stranieri che compreranno una quota maggioritaria della società. Scelta industriale? No, obbligata per risolvere i problemi economici dei due soci di SAVE” punge Vincenzo D’Arienzo, deputato PD.

Quali saranno le ripercussioni sul nostro territorio?

Prima il Catullo era controllato da Comune, Provincia e Camera di Commercio – continua D’Arienzo – adesso da SAVE – società esterna al territorio – domani da SAVE e da due fondi stranieri, questi con quote importanti di proprietà. Devo ricordare che i soci veronesi sono stati costretti a vendere le proprie quote dell’aeroporto perché l’avevano quasi condotto al fallimento. In pratica, non avevano altra scelta e questo ha inciso sulle possibili soluzioni diverse da SAVE. Un esempio? A Verona ci siamo sempre detti che lo sbocco naturale è l’asse del Brennero, ma hanno venduto l’aeroporto ad una società che ha l’obiettivo di rafforzare l’asse aeroportuale del nord est. In soldoni, è stato fatto il contrario di quanto detto”.
Prosegue il deputato: “Mi pare che siamo nelle medesime condizioni. Due soci si dividono e per liquidarsi tra loro cedono le quote di SAVE a due fondi stranieri. Erano possibili altre scelte? Chissà, ma sono rimasto stupito che l’imprenditoria veneta non abbia ancora colto l’occasione, a partire dal fondo Atlanta (Benetton) già proprietario del 20% di SAVE.
Se va in porto l’operazione, è chiaro a tutti che le decisioni industriali non saranno più governate da Verona. Considero, in linea di principio, l’intervento economico dei privati un fatto tutto sommato positivo, perché dimostra l’attrattività e le potenzialità dello scalo e di Verona, ma pongo con forza la questione della governance. È un tema importante, tanto che subito è stato risposto che le redini degli aeroporti resteranno comunque in mano a Marchi”.
Sarebbe meglio – chiede D’Arienzo – che ci dicessero più chiaramente come sarà, visto che SAVE sarà controllata da fondi stranieri, e questi non sono dei benefattori.
Chiedo al Governo di intervenire ed al Ministro Delrio ho chiesto di capire se le condizioni di governance siano rispettose dei soci italiani e se, altro tema delicato, gli investimenti promessi sul Catullo e sull’aeroporto di Montichiari saranno comunque garantiti, in qualsiasi scenario futuro”.
Un rammarico: quanto sta accadendo non mi stupisce, purtroppo l’avevo detto tempo fa, di fronte al fallimento della gestione dei soci veronesi. Magra consolazione…” conclude D’Arienzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.