Come avvicinare i giovani al dono del sangue? Fidas Verona l’ha chiesto a loro

Come avvicinare i giovani al dono di sangue e plasma? Parlando la loro lingua: ovvero catturandone l’attenzione sui social network che più utilizzano (Instagram, Tik Tok), attraverso contenuti brevi, grafiche accattivanti e foto di giovani testimonial.

È quanto emerso dal progetto “Space 13 – Innovation Lab”finanziato dalla Regione Veneto nell’ambito del Bando POR FESR 2014-2020 e promosso dal Comune di Legnago (capofila) e dai Comuni di Angiari, Bovolone, Castagnaro, Cerea, Isola della Scala, Isola Rizza, Minerbe, Roverchiara, San Pietro di Morubio, Terrazzo e Villa Bartolomea, in collaborazione con t2i – Trasferimento Tecnologico e Innovazione, ente delle Camere di Commercio di Treviso-Belluno, di Verona e di Venezia-Rovigo.

Il progetto ha visto protagonisti gli studenti di tre istituti superiori: il “Ricci” e il “Cotta” di Legnago e il “Da Vinci” di Cerea. Sono stati affiancati dai professionisti di “Space 13 Innovation Lab” di Legnago, realtà che promuove laboratori, corsi e webinar per lo sviluppo della cultura digitale, e da Fidas Verona, che ha chiesto ai giovani studenti di formulare delle proposte per avvicinare i coetanei al dono. 

Con una serie di incontri sulla piattaforma Zoom, a partire da marzo, gli studenti hanno conosciuto meglio l’attività associativa di Fidas Verona, ascoltando le relazioni dei giovani donatori Alessia Balzanello e Andrea Moro; poi, affiancati dai facilitatori di t2i Nereo Lanzoni, Matteo Volpi e Marco Braga, si sono cimentati nella coprogettazione di nuove soluzioni, studiando esempi di comunicazione efficace e sviluppando idee creative.     

Infografiche che illustrino in modo semplice quanto sangue serve ogni giorno; storie con testimonial conosciuti; aggiornamenti periodici sull’andamento delle donazioni: sono alcuni tra i suggerimenti emersi.«Indicazioni preziose che ci aiuteranno a sviluppare nuove modalità di comunicazione, accanto a quelle classiche – sottolinea la presidente provinciale di Fidas Verona, Chiara Donadelli –. Richiamare i giovani al dono resta una grande partita aperta, specie dopo la pandemia. Fidas Verona, che conta sulla generosità di 11mila donatori, nel 2021 ha registrato una flessione del 24% dei nuovi donatori sotto i 28 anni. Perciò continua con slancio il nostro lavoro nelle scuole e con gli eventi del Gruppo giovani, che integreremo con queste modalità di comunicazione suggeriteci dall’Innovation lab».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.