Verona prima in Italia per export agroalimentare

A trainare l’export italiano – che vale 38 miliardi di euro all’anno -c’è Verona con 2,9 miliardi. Da sola, la provincia scaligera pesa il 7,6% delle vendite italiane all’estero. I dati sono stati diffusi dalla Camera di commercio di Milano, ripresi anche da quella veronese, che ha calcolato una crescita di esportazioni nazionali pari al 3,5%, il 7,7% solo nella nostra provincia. I prodotti “made in Verona” più esportati sono il vino, prodotti dolciari, frutta, verdura, carni, formaggi e latticini.

Secondo i dati della Camera di Commercio di Verona, le esportazioni di prodotti alimentari hanno superato 1,4 miliardi di euro con una crescita dell’8,3%, quelle della bevande, tra cui ovviamente il vino, hanno superato i 900 milioni di euro con una crescita del 4,7%, e quelle di ortofrutta 570 milioni di euro, il 12,3% in più dell’anno precedente. 

 

«Questo studio – afferma il presidente della Coldiretti di Verona Claudio Valente – evidenzia come Verona sia tra le prime province italiane per produzioni e la prima per export nell’agroalimentare. La crescita del 7,6% è un dato molto significativo, se pensiamo ai problemi derivati dall’embargo russo, senza il quale potremmo aggiungere centinaia di milioni di euro di esportazioni che oggi mancano. E’ evidente che i nostri imprenditori hanno capacità di adattamento e propensione a trovare soluzioni e mercati alternativi per le produzioni locali, specie per la frutta e verdura».

I Paesi europei sono i primi acquirenti per quasi tutti i prodotti veronesi. Per quanto riguarda l’export di prodotti alimentari, nell’ultimo anno si sono registrati aumenti considerevoli in moltissimi paesi: Stati Uniti (+29,8%), Francia (+27,5%), Regno Unito (+7,6%), Germania (+6,3%), Austria (+5,2%). Anche per il vino i dati sono molto positivi: nel Regno Unito l’aumento è stato del 10,5% e in Francia del 5,9%. Si prospettano scenari interessanti anche in paesi come la Svizzera e i Paesi Bassi, dove gli acquisti di vino veronese sono aumentati rispettivamente del 27,5% e del 28%. Per il settore ortofrutticolo giungono notizie positive: dal 2015 al 2016 l’export scaligero in Svizzera è aumentato del 44%, nel Regno Unito del 22,7%, in Germania dell’11,7%, e in Belgio addirittura del 126%.

«L’agroalimentare svolge un effetto traino unico sull’intera economia per l’impatto positivo di immagine sui mercati esteri dove il cibo Made in Italy, o Made in Verona, è sinonimo di qualità” – aggiunge Valente – non sono mai stati consumati così tanti prodotti nostrani nel mondo, grazie al lavoro degli imprenditori agricoli e alle eccellenze delle loro produzioni che permettono di raccontare al mondo il nostro modello agroalimentare e i suoi valori unici».

«Verona – precisa Giuseppe Ruffini, direttore di Coldiretti Verona – è notoriamente uno dei principali crocevia della commercializzazione di prodotti agroalimentari di qualità. Il business scaligero legato a questo settore supera i 5 miliardi di euro, frutto anche della professionalità di imprenditori agricoli che producono eccellenze irripetibili altrove. Purtroppo, però, tale dedizione e professionalità vengono macchiate da attività malavitose che nulla hanno a che vedere con le nostre aziende. Mi riferisco – prosegue Ruffini – al fenomeno delle agromafie che, come è recentemente emerso dal dossier realizzato da Eurispes, Coldiretti e Osservatorio sulla criminalità nell’agricoltura, purtroppo non risparmia la nostra provincia».

«L’agropirateria internazionale – conclude – fattura oltre 60 miliardi di euro all’anno utilizzando impropriamente parole, colori, località, immagini, denominazioni e ricette che si richiamano all’Italia per prodotti taroccati che imitano in maniera spregiudicata gli autentici prodotti made in Italy. Ben vengano dunque i controlli effettuati dalle Forze dell’Ordine sia sul territorio veronese che nazionale».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.